» » Sabrina / Bob Geldof - Yeah Yeah / Love Or Something

Sabrina / Bob Geldof - Yeah Yeah / Love Or Something Album

FLAC MP3 WMA
Sabrina / Bob Geldof - Yeah Yeah / Love Or Something Album
Folk Rock, House, Synth-pop
  • Performer:
    Sabrina / Bob Geldof
  • Title:
    Yeah Yeah / Love Or Something
  • Genre:
  • Style:
    Folk Rock, House, Synth-pop
  • Release date:
    1990
  • Country:
    Italy
  • Size FLAC version
    2648 mb
  • Size MP3 version
    1424 mb
  • Size WMA version
    2796 mb
  • Rating:
    4.7
  • Votes:
    858
  • Record from:
    Vinyl, 7", 45 RPM, Promo

Tracklist

1SabrinaYeah Yeah (Radio Version)
Written-By – D. Sion, Sabrina, S. Portulari
4:02
2Bob GeldofLove Or Something
Written-By – Bob Geldof, David A. Stewart
3:50

Notes

Disco promozionale, vietata la vendita al pubblico.
A: ℗ 1990 Videogram. Licensed from Casablanca,
AA: ℗ 1990 Phonogram Ltd. (London). Licensed from Mercury.

Barcodes

  • Matrix / Runout (Runout area side A): 87811 147 1 520
  • Matrix / Runout (Runout area side AA): 5000 861 A
  • Matrix / Runout (Label side A): 878 114-7-1
  • Matrix / Runout (Label side AA): AS 5000 861 A
  • Rights Society: S.I.A.E.

Companies

  • Phonographic Copyright (p) – Videogram
  • Phonographic Copyright (p) – Phonogram Ltd. (London)
  • Licensed From – Casablanca
  • Licensed From – Mercury
  • Pressed By – PhonoComp


grand star
https://www.discogs.com/it/label/659623-Disco-Successo

La S.P.E.R. (acronimo di Società Per le Edizioni Radiofoniche) progettò copertine per dischi JukeBox dismessi dagli impianti pubblici, negli anni circa dal 1993 al 2002.

La vita di un disco Jukebox italiano avrebbe dovuto essere brevissima: dall’emissione, alla distribuzione, al ritiro ed alla conseguente distruzione, potevano passare 12 mesi al massimo. Era un disco promozionale destinato a quel circuito.

I gestori degli impianti che li utilizzavano, avrebbero dovuto restituirli dopo l’uso di una stagione (2-3 mesi), ed i dischi sarebbero dovuti andare al macero, distrutti.

In realtà, molto spesso queste restituzioni non venivano effettuate o controllate, e semplicemente i gestori conservavano i dischi in vinile, sostituendoli con le novità appena arrivate.

All’inizio degli anni ’90, con l’aumentare del fenomeno del collezionismo di vinile in Italia, la maggior parte di questi dischi concepiti solo per un uso PROMOZIONALE, tornò sul mercato di livello-base (bancarelle, mercatini, fiere del disco, ecc.), molto spesso priva di una copertina identificativa (e anche protettiva), e tramite le fiere internazionali valicò anche le frontiere dell’Italia.

La SALES PROMOTION SERVICE, che fino ad allora aveva distribuito i
dischi capillarmente, affidò quindi alla SPER, come intermediaria, il compito di stampare un numero limitato di copertine identificative, ovviamente “postume” per ogni supporto antecedente il 1996, al minor costo possibile, per poterle vendere a quanti ne facessero richiesta (venditori occasionali o registrati) al fine di regolarizzare in questo modo i prodotti, che sempre più venivano alla luce, in un mercato ancora privo di archivi.

Le prime “tirature” furono fatte esclusivamente per artisti pop & rock di grande influenza, e di cui un gran numero erano stati attentamente selezionati dai venditori. Successivamente si passò a nomi minori.

I materiali con cui venivano inizialmente stampate erano molto grezzi e spesso “prove” sono state inviate alla vendita, pur non essendo completate, e con macroscopici errori di stampa. Xerox copy a due/tre colori.

Successivamente furono stampate esclusivamente su supporti in carta a “base VERDE”, su cui venivano di volta in volta cambiati nomi degli artisti, titoli, ed altri particolari.

Gli anni 2000 hanno poi visto una brevissima produzione di copertine fotografiche denominate “New Millennium Series”, in cartoncino.

Le tirature per i primi anni possono essere considerabili di 150/200 copie, le successive arrivarono anche a 400. La distribuzione e vendita era fatta molto spesso a fiere del disco nazionali ed internazionali (Italia, Olanda, Gran Bretagna, Spagna).

La SPER chiuse i battenti nel 2002, gli ultimi dischi juke box risalgono a quella data.

Ad un’asta pubblica, nel 2003, si procedette alla vendita di tutto l’archivio di produzioni rimaste invendute, provini, e quant’altro.

Fu proprio in quegli anni che, prima con l’avvento di internet (e successivamente del sito Ebay), si allrgò maggiormente la diffusione e conoscenza di un fenomeno che aveva fino ad allora interessato solo “localmente” il mercato (le località turistiche e balneari, quelle da cui erano emerse maggiori quantità di dischi, tutte piccole cittadine).

Riconoscere una copertina SPER dal 1997/98 in poi, è abbastanza semplice, per via della carta a “base VERDE” sopracitata. Si distinguono chiaramente due stampe diverse, una tipografica ed una xerografica o digitale.

Per le prime stampe degli anni a cavallo tra il 1993 ed il 1997 bisogna affidarsi solo a chi, con esperienza, le aveva già maneggiate in quel periodo.

Un archivio è in programmazione futura, a cura di vari collezionisti italiani ed appassionati del settore.